Home

Aggiungere la parola “cultura” a “enogastronomia” è azione benedetta dal progresso, dagli esegeti della diversificazione e dagli aedi del marketing, dai gestori di hotel e di centri benessere, per non parlare delle sale biliardo vogliose di darsi nuovo lustro. Secondo il programma del partito Cucina Sapori e Libertà saranno presto banditi i lavativi che non compulsano i ricettari, non si interessano alla cucina destrutturata postmoderna, alle sofisticherie nei poveri piatti di nonna, alle sottigliezze causidiche applicate alla giustapposizione delle spezie più raffinate. I palati fini domineranno il mondo, gli altri vagheranno con il loro panino al prosciutto, privi di dignità e diritti civili. È un preciso impegno del Maitre del Consiglio.

Leave a Reply

Fill in your details below or click an icon to log in:

WordPress.com Logo

You are commenting using your WordPress.com account. Log Out / Change )

Twitter picture

You are commenting using your Twitter account. Log Out / Change )

Facebook photo

You are commenting using your Facebook account. Log Out / Change )

Google+ photo

You are commenting using your Google+ account. Log Out / Change )

Connecting to %s